Imperia: primo caso di ammonimento in Italia per “cyberbullismo”

0

A poco più di un mese dalla sua entrata in vigore della legge 71/2017 sul cyberbullismo, il Questore di Imperia, Cesare Capocasa ha attuato il primo ammonimento a carico di un adolescente residente nella capoluogo ligure. Questo provvedimento nasce a seguito di una denuncia presentata presso la Sezione Polizia Postale e delle Comunicazioni di Imperia, da parte del padre di una quindicenne. La ragazza, dopo aver interrotto una relazione con un suo coetaneo, aveva ricevuto tramite Whatsapp una foto, che la ritraeva in un momento di intimità con il suo ex fidanzatino, e soprattutto un messaggio in cui lui la minacciava di divulgarla ad amici e conoscenti come risposta per la fine del rapporto.
Si tratta del primo caso in Italia dell’applicazione di un ammonimento verso il minore, previsto dalla legge n.71 del 29 maggio 2017 riguardante il ‘cyberbullismo’. Il questore Capocasa ha così commentato riguardo all’accaduto: “Ritengo che il fenomeno sia una versione innovativa del bullismo ‘tradizionale’, un fenomeno devastante diffuso tra gli adolescenti che tante volte può arrecare danni anche gravi a chi lo subisce. Occorre una risposta di sistema, di più soggetti che lavorano in sinergia, per reprimere questi comportamenti, con una campagna di prevenzione forte; l’ammonimento ha valenza più educativa che repressiva, una forma di deterrente per evitare il proporsi di tali atti. Imperia è stata la prima questura ad emettere un ammonimento per cyberbullismo e siamo orgogliosi di aver aperto lo scenario su questo contesto inquietante”.

Condividi su:

Lascia un Commento