MINI INTERVISTA A RODOLFO LEONE

0

Rodolfo Leone, un passato “politico” di tutto rispetto, un’amicizia “ruvida” con Claudio Scajola, un grande feeling con la Rari Nantes. Ed ora una nuova veste, quella di “editore” del blog Focusimperia.

  • Cominciamo da questo: come mai la “casa editrice” (la Algor) è una società che si occupa di gelati?

“L’azienda che possiedo da 38 anni ha fatto da “culla” al nostro blog per ragioni di praticità. Per il momento parlare di editore è prematuro. Non nascondo però che il progetto prevede un’evoluzione in un vero giornale on line. E allora verrà messa in campo una apposita società editoriale.”

  • Ma perché ha ritenuto di creare un blog? Vuol servirsene per un rilancio politico?

“Neanche per sogno. Come dicono a Genova….ho già dato. Non ho alcuna intenzione di rimettermi in gioco. Semplicemente, assieme ad alcuni amici, abbiamo pensato che ci fosse posto per una voce nuova. Quanto al presunto “schieramento” del blog, beh, i fatti parleranno chiaro.”

  • Come farà ad occuparsi anche di questo, non le pare di essere iperattivo da qualche tempo?

“Veramente, business as usual…”

  • E i suoi impegni romani? E’ vero che deve il suo incarico nella Capitale a Scajola?

“Attualmente ricopro l’incarico di Amministratore Delegato di Invitalia Partecipazioni, società di proprietà del Ministero Economia e Finanze, che svolge una attività finanziaria, gestisce partecipazioni azionarie e dismissioni di cespiti immobiliari. E questo incarico non mi è stato conferito da Scajola. Quando era Ministro dello Sviluppo Economico, è vero, mi propose per un incarico analogo, che poi mi fu confermato durante il governo Monti. La realtà è che si tratta di un incarico professionale, non politico. I dottori commercialisti hanno nel loro background la professionalità per operare come amministratori di aziende di una certa dimensione.”

  • E’ vero che lei è un po’ il Cardinale Richelieu della Rari Nantes?

“Sono stato socio fondatore e primo presidente della Rari e non sono mai stato lontano dalla società nei 33 anni dalla sua rifondazione. Ho sempre agito nel suo interesse, anche quando non ero d’accordo con certe decisioni degli allora dirigenti. Credo ci si debba comportare così.”

  • Cosa ne pensa degli attuali problemi della società?

“Ritengo che la Rari si sia dissanguata per mantenere la squadra a grandi livelli nazionali ed internazionali. Ora, per tutta una serie di motivi, non è più in grado di farlo. Nella vicenda si sono poi inserite beghe di diverso genere. Spero che le dimissioni dell’ex presidente Ramone servano a riportare un minimo di serenità nell’ambiente”.

 

Condividi su:

Commenti disabilitati