Nizza vive oggi il primo anniversario della strage per non dimenticare

0
Oggi la città di Nizza è silenziosa, nessun rumore, poche parole sussurrate, tacciono anche le musiche dei ristoranti e i turisti percorrono la Promenade con una rosa bianca in mano, per andarla a deporre  in vari punti della passeggiata dove l’anno scorso si era consumata la tragedia.
Lungo il Quai des Etats Unis una fila continua di persone posa delle mattonelle colorate che recano, a forma di cuore, i nomi dei caduti.  In serata, quando tutto sarà compiuto, si potrà leggere una frase composta da 12mila mattonelle con i colori blu, bianco e rosso della bandiera francese. Mentre Nizza vive una mattinata intensa ed emotiva a Parigi, pochi minuti prima di mezzogiorno, sono risuonate le note di “Nissa la Bella”, l’inno nizzardo che, questo pomeriggio, assieme con le note della Marsigliese, aprirà e chiuderà le cerimonie ufficiali alla presenza di Emmanuel Macron. Nizza, a distanza di un anno oggi ricorda sulla Promenade un dramma che l’ha segnata a vita.
Condividi su:

Lascia un Commento